Un’ansia da separazione…contagiosa! Storia della famiglia Crood’s.

Una rivisitazione del film: “Lo chiamavano Jeeg Robot”.
I contesti di cura nelle situazioni psicotiche.
La notte stellata. Rivista di psicologia e psicoterapia n° 1/2018 – 2+2 NON FA 4 – pag 84-96 

Un’ansia da separazione…contagiosa! Storia della famiglia Crood’s.

di Claudia Colamedici*


“C’era una volta una famiglia preistorica, i Crood’s. Finirà il loro mondo! Fuoco, lava, ne comincerà uno nuovo, ma per salvarsi dovranno supportarsi a vicenda, in un viaggio lungo e lento, attraverso gli eventi della natura. Gli ultimi cavernicoli della terra, diverranno la prima famiglia dell’era moderna” (dal film di animazione “I Crood’s”).
Questa è la storia di una famiglia spaventata dalla vita, che alle volte appare pericolosa a tal punto, da doversi rifugiare nella propria casa, l’unico posto in cui ci si sente al sicuro.
Questa è la storia di un padre, che chiameremo Grug Croods, un uomo forte e coraggioso, altruista e testardo. Ama molto la sua famiglia, per questo la protegge con tutte le sue forze! Il suo motto? “Le novità sono un pericolo! Dovete sempre averne paura! La paura ti tiene in vita! Non si deve mai smettete di avere paura!” (Dal film di animazione I Crood’s).
Ugga Croods, la moglie di Grug, anche lei timorosa e spaventata! Una donna dai molti sensi di colpa, che porta in sé un grande dolore!
I Gemelli, che chiameremo Tonco ed Eep Croods, nove anni ciascuno!
Lui sembra il membro più ingenuo della famiglia, sebbene il più dolce e quello che più brama l’approvazione di papà, per questo segue religiosamente le sue regole!
Lei, Eep, un peperino tutto sale e curiosità, sempre pronta alla sfida! Commenta: “siamo stati in quella caverna per secoli… non abbiamo mai potuto esplorare il mondo per colpa della regola di papà” (Dal film di animazione I Crood’s).
La terapia con questa famiglia vedrà l’avvicendarsi di momenti in cui sembra necessario un cambiamento ed altri in cui la paura e il bisogno di ripristinare l’omeostasi prenderanno il sopravvento. Sarà una lunga analisi in cui si chiarirà che ognuno, attraverso la sua patologia, “fa’ un dono d’amore” all’altro (Colacicco, 2014), e solo questo svelamento permetterà a ciascuno di riappropriarsi della propria vita

Scarica la versione completa dell’articolo



“Once upon a time there was a prehistoric family, the Crood’s. Their world will end! Fire, lava, a new one will begin, but to save themselves, they will have to support each other, on a long and slow journey through the events of nature. The last cavemen of the earth will become the first family of the modern era” (from the animated film” I Crood’s”).
This is the story of a family frightened by life, which sometimes seems dangerous to the point of having to take refuge in your own home,the only place where you feel safe.
This is the story of a father, whom we will call Grug Croods, a strong and courageous, selfless and stubborn man. He loves his family, so much that he protects her with all his strength! His motto? “Anithing new is a danger! You must always be afraid of it! Fear keeps you alive! You must never stop being afraid”.
Ugga Croods, Grug’s wife, she too fearful and frightened! A woman with many feelings of guilt, who brings inside her a great pain!
The Twins, which we will call Tonco and Eep Croods, nine years each! He seems the most naive member of the family, although the sweetest and the one that most desires the approval of Dad, so religiously follows its rules!
She, Eep, a peperino all salt and curiosity, always ready for the challenge! He comments: “we have been in that cave for centuries… we have never been able to explore the world because of dad’s rule”…
Therapy with this family will see the succession of moments in which change seems necessary and others in which fear and the need to restore homeostasis will gain the upper hand. It will be a long analysis in which it will be clarified that everyone, through his pathology, “makes a gift of love” to the other (Colacicco, 2014), and only this revelative allow everyone to re-obtain again their live.



Note
*Dott.ssa Claudia Colamedici, Psicologa e Psicoterapeuta di sistemico- relazionale e familiare. Psicodiagnosta.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA