Il silenzio grande.
Lo stupro e la ricostruzione del sé. Recensione del libro “Dopo la violenza” di Susan Brison.
La notte stellata. Rivista di psicologia e psicoterapia n° 1/2022 – RECENSIONI – pag 119-121

Frattali.

di Laura Tullio


Frattali è una rivista semestrale, online e gratuita. Si divide in quattro sezioni, l’editoriale, gli articoli, le recensioni e i webinar, allo scopo di offrire stimolanti contributi provenienti dal mondo della psicoterapia sistemica. Nasce durante il lockdown del 2020 grazie alla collaborazione degli allievi specializzandi, ex allievi e dei didatti della Scuola Milanese di Mara Selvini Palazzoli ed arriva, oggi, al suo terzo numero, quello di novembre 2021.


Come recita il primo editoriale della rivista, un frattale rappresenta una configurazione geometrica complessa che tende a ripetersi all’infinito isomorfa a sé stessa su scala sempre più piccola. L’idea di fondo è quella di considerare “che sia possibile immaginare che ciò che accade nella relazione paziente-terapeuta risponda agli stessi schemi – abbia per così dire la stessa “forma” – di quello che avviene nell’organizzazione delle relazioni tra il paziente e le figure del suo mondo relazionale affettivamente e cognitivamente rilevanti (reali e interiorizzate), e che questa è a sua volta isomorfa a come si sono via via strutturate le sue strategie relazionali a partire dalle interazioni con le sue figure significative di riferimento, in primo luogo i genitori” (Frattali. Anno 1, n.1, novembre 2020). Pensiero, questo, che riflette la complessità delle relazioni umane e consente di rinforzare i concetti di ricorsività e circolarità propri del modello sistemico.


E’ proprio il concetto di isomorfismo ad essere riportato nell’editoriale del terzo numero che apre con l’assegnazione del premio Nobel per la fisica all’italiano Giorgio Parisi che da sempre si occupa di sistemi disordinati e complessi.


Scarica la versione completa dell’articolo



Note

© RIPRODUZIONE RISERVATA