Recensione del libro di Marinella Malacrea “Curare i bambini abusati”.

La cassetta degli Attrezzi.
Si tratta di cuori spezzati, non di cervelli rotti. Recensione del libro di Lorna Smith Benjamin
La notte stellata. Rivista di psicologia e psicoterapia n° 2/2018 – RECENSIONI– pag 137-138

Curare i bambini abusati.
Recensione del libro di Marinella Malacrea.

di Alessia Boccioni e Maria Chiara Centinaro


Marinella Malacrea rappresenta per noi operatori che lavoriamo con le vittime di esperienze sfavorevoli infantili un riferimento importante attraverso il quale orientarsi nella teoria e nella pratica clinica del lavoro sul trauma. Questo suo ultimo lavoro dal titolo “Curare i bambini abusati” ne è la rassicurante conferma.
La lettura del suo libro ha avuto un effetto pacificatore sui nostri stati d’animo, psicoterapeute che da molti anni si occupano di abuso e maltrattamento, perché possiamo senza dubbio ammettere che lavorare con il trauma attiva emozioni controtransferali forti e contrastanti.
Il libro è strutturato in due parti: una prima parte introduttiva, offre un’analisi dettagliata ed esaustiva dei diversi orientamenti psicoterapeutici e delle tecniche e degli strumenti utilizzati dalla comunità scientifica internazionale nella cura del trauma; la seconda parte, in cui vengono presentati 13 casi clinici raccontati da terapeuti provenienti da formazioni e contesti professionali differenti, offre spunti di riflessione sul lavoro messo in campo dai colleghi e ci permette di entrare nelle loro stanze di terapia osservando da vicino quanto accade ad altri professionisti, i progressi e le battute di arresto del processo valutativo e/o terapeutico, i diversi livelli coinvolti (intrapsichico, relazionale, sociale, giudiziario, istituzionale) che si intrecciano tra loro e non sempre si muovono in sintonia, le reazioni controtransferali dei terapeuti e gli strumenti che ognuno di loro utilizza. In sintesi di vedere con una lente di ingrandimento la complessità della presa in carico di un bambino traumatizzato.

 

Scarica la versione completa dell’articolo



Note

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA