Recensione del romanzo “Due soli” di Anna Santangelo.

Lo stupro e la ricostruzione del sé. Recensione del libro “Dopo la violenza” di Susan Brison.
La circolarità della “secessione”.
La notte stellata. Rivista di psicologia e psicoterapia n° 1/2022 – RECENSIONI – pag 114-116

Recensione del romanzo “Due soli” di Anna Santangelo.

di Valeria Buttarelli


Due vite. La nostra vita. Nostra perché è impossibile non riconoscere almeno un granello di ciò che siamo in Diana o in Alex, protagonisti del romanzo di Anna Santangelo. Il loro incontro, da fugace flirt estivo, diventa uno di quegli spartiacque che cambierà la loro vita, come avviene sempre per le vere storie d’amore.

Una storia il cui filo conduttore sembra essere la luce accecante: sotto il sole estivo di una spiaggia si incontrano la prima volta, ed una mano avvolta dal bagliore è l’immagine che segue Alex fino alla fine del romanzo, indicandogli la strada da percorrere come un sogno premonitore.

L’autrice, Anna Santangelo, è una psicologa e sta ultimando la sua formazione in Psicoterapia Sistemico Relazionale presso l’Istituto Dedalus. La sua forte passione per la scrittura l’ha spinta a realizzare questo suo primo romanzo. Con semplicità ci accompagna nel turbinio di una storia d’amore appassionata e sincera fatta di continui viaggi in macchina, cercarsi e perdersi, dubbi e certezze che attraverseranno i due ragazzi per tutta la durata del racconto.


Scarica la versione completa dell’articolo



Note

© RIPRODUZIONE RISERVATA