Verità giuridica e verità psicologica: il caso di un abuso su minore.

Un invio troppo “impegnativo”.
Dedalus. Come trovare la via di uscita dal labirinto.
La notte stellata. Rivista di psicologia e psicoterapia n° 2/2018 – IL SEMINARIO – pag 57- 71

Verità giuridica e verità psicologica: il caso di un abuso su minore.

di Maddalena Cialdella*


L’articolo, partendo da un caso specifico, vuole mettere in evidenza quanto la complessità delle vicende umane siano di difficile trattazione.
Quando la psicologia incontra la giurisprudenza la complessità aumenta poiché ciò che è vero su un piano (quello psicologico) può non esserlo sull’altro (quello giuridico).
In particolare, quando siamo chiamati come operatori o come consulenti del tribunale a trattare casi di presunto abuso sessuale su minori , possiamo trovarci di fronte a due rette parallela quella psicologica e quella giuridica appunto, con il rischio che le 2 verità possano non combaciare.
Il caso trattato vuole fornire una riflessione sul delicato compito dello psicologo in questi ambiti e sulla opportunità di una elevata competenza clinica per evitare ulteriori danni a carico del minore.

Scarica la versione completa dell’articolo



The article, starting from a specific case, wants to emphasize that the complexity of human affairs is difficult to treat.
When psychology meets jurisprudence the complexity increases because what is true on a plan (the psychological one) may not be on the other (the legal one).
In particular, when we are called as operators or as consultants of the court to treat cases of alleged sexual abuse on minors, we can find ourselves in front of two parallel lines, the psychological and the legal one precisely, with the risk that the 2 truths may not match.
The treated case wants to give a reflection on the delicate task of the psychologist in these areas and on the opportunity of a high clinical competence to avoid further harm to the child.



Note

*Dott.ssa Maddalena Cialdella, Psicologa, psicoterapeuta sistemico relazionale, CTU per il Tribunale Ordinario di Roma.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA