L’utilizzo dell’Intrex in terapia.

Come misurare l’aderenza alla IRT.
Caro Walther a che punto è la rivoluzione?
La notte stellata. Rivista di psicologia e psicoterapia n° 1/2019 – RICERCA E FORMAZIONE – pag 50-62

L’utilizzo dell’Intrex in terapia.

a cura di Valentina Cavucci *


Questo articolo mostra l’uso applicativo dell’Intrex in terapia, che fonda le sue basi concettuali sulla Terapia Ricostruttiva Interpersonale (TRI) di Lorna Smith Benjamin, secondo la quale la modalità attuale della persona di agire e reagire ai contesti di vita e quella di trattare sé stesso trova una corrispondenza nelle modalità relazionali passate apprese nelle interazioni con le persone significative della sua vita, attraverso una sorta di apprendimento primitivo. Ogni problema interpersonale può essere collegato alle relazioni avute nell’infanzia con le figure di accudimento. Verrà illustrato un caso clinico in cui è stato utilizzato lo strumento, con l’intento di capire il funzionamento del paziente all’interno delle relazioni. L’analisi dei processi di copia verso le figure di attaccamento e i risultati del questionario hanno evidenziato che tipo di funzione hanno l’ansia, la depressione e la rabbia nel mondo psicologico della paziente. I grafici e il General Report mostrano come lo strumento, basato sul modello dimensionale SASB (Structural Analysis of Social Behaviour), costituisca un “attrezzo” di elevata utilità clinica per il terapeuta sistemico relazionale, poiché offre una valutazione che risulta sia dimensionale, rispetto al funzionamento interpersonale nell’ambito dei disturbi di personalità, sia funzionale al trattamento, sostenendo a 360 gradi il terapeuta nel ragionamento clinico.

Scarica la versione completa dell’articolo



This article shows the practical use of Intrex in therapy, which bases its conceptual foundation on Lorna Smith Benjamin’s Interpersonal Reconstructive Therapy (TRI), according to which the current way of the person to act and react to life contexts and treating oneself finds a correspondence in the past relational modalities learned from the interactions with the significant persons of his life, through a sort of primitive learning. Every interpersonal problem can be related to relationships in childhood with caregiving figures. A clinical case in which the instrument was used will be illustrated, with the aim of understanding the functioning of the patient within relationships. The analysis of the copying processes towards attachment figures and the results of the questionnaire showed the function that anxiety, depression and anger have in the patient’s psychological world. The graphs and the General Report show how the tool, based on the dimensional model SASB (Structural Analysis of Social Behavior), constitutes a “tool” of high clinical utility for the systemic relational therapist, offering an evaluation that is both dimensional, compared to the interpersonal functioning in the sphere of personality disorders, and functional to treatment, supporting the therapist at 360 degrees in clinical reasoning.



Note

*Dott.ssa Valentina Cavucci, Psicologa e Psicoterapeuta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA