La cartella clinica “relazionale”.

“Bambini con l’etichetta”. Intervista a Michele Zappella.
Il lutto e la famiglia.
La notte stellata. Rivista di psicologia e psicoterapia n° 2/2021- RICERCA E FORMAZIONE – pag 51-66

La cartella clinica “relazionale”. Uso di uno strumento molteplice nell’ambito del training.

di Elisa Avalle, Valeria Buttarelli, Chiara Bertuolo, Cristiana Chirivì, Cristina Nobili, Stefania Petronio*


Abstract
Il presente articolo illustra la fase iniziale di una ricerca in corso presso l’Istituto Dedalus di Roma. Il materiale clinico è stato sistematizzato ed elaborato attraverso il Modulo di studio e ricerca per la valutazione del trattamento psicoterapico con le famiglie, le coppie e gli individui, utilizzato per tutte le situazioni psicoterapeutiche prese in carico nei gruppi training di specializzazione in supervisione diretta, e che costituisce una delle tre sezioni della Cartella Clinica “Relazionale” elaborata dal Dottor Colacicco.
Gli obiettivi di tale ricerca sono molteplici: creare un database, pianificare ed organizzazione il lavoro clinico ed infine stimolare un lavoro che riesca a coniugare la pratica terapeutica e la ricerca.


Abstract
This article illustrates the initial phase of an ongoing research at the Dedalus Institute in Rome. The clinical material was systematized and elaborated through the study and research module for the evaluation of psychotherapeutic treatment with families, couples and individuals, used for all psychotherapeutic situations taken care of in the training groups of specialization in direct supervision, and which constitutes one of the three sections of the “Relational” Clinical Record prepared by Doctor Colacicco Francesco.
The objectives of this research are many: to create a database, to plan and organize clinical work and finally to stimulate a work that is able to combine therapeutic practice and research.

Scarica la versione completa dell’articolo



Note
* *Psicologhe e psicoterapeute in formazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA