“Tra segreto e vergogna. La violenza filio-parentale”.

Portare la famiglia sulla luna.
L’importanza dell’ironia. Intervista a Daniele Parisi.
La notte stellata. Rivista di psicologia e psicoterapia n° 1/2020 – RECENSIONI – pag 191-197

“Tra segreto e vergogna.
La violenza filio-parentale”
a cura di Roberto Pereira.

Prefazione al libro di Maurizio Coletti


“Il libro che state per leggere è notevole sotto diversi punti di vista. Primo fra tutti, il tema: la violenza dei figli verso i genitori. Si tratta di un fenomeno la cui comparsa a livello scientifico – nonostante la letteratura ne riporti ampie tracce fin dall’origine delle narrazioni – è recentissima e che fino all’inizio di questo secolo non ha generato alcuna importante preoccupazione sociale.
L’argomento esaminato in questo testo ci introduce dunque a una condizione esattamente opposta a quella narrata da Gavino Ledda in Padre padrone (Ledda, 1975), romanzo tradotto in più di quaranta lingue e ormai parte del nostro bagaglio stori- co-sociale. Partendo da quel testo si è discusso sulla violenza intra familiare verso i figli e verso le donne; ma anche di civiltà arcaica e di tradizioni contadine. Si sino analizzate, isolate e prese le distanze da quelle gerarchie crudeli e vessatorie basate su abusi e limitazioni della libertà. Oltre al fatto che il libro di Ledda conteneva una nota finale positiva: pur se attraverso sacrifici infiniti, grazie alla scuola, al servizio di leva obbligatorio e a una serie di altri episodi, il protagonista si affrancava e riusciva a trovare gli strumenti per decidere le proprie sorti in modo autonomo.
Oggi il tema della violenza intra familiare include la violenza di genere e le occasioni per ribellarsi a queste condizioni (manifestazioni, libri, film e normative legislative) si sono, per fortuna, moltiplicate.
Allo stesso tempo, c’è ormai grande attenzione ai comportamenti violenti e repressivi verso bambini e figli. La Magistratura ha alzato il livello di guardia e genitori troppo violenti sono resi sempre meno offensivi da provvedimenti giudiziari.

Scarica la versione completa dell’articolo



Note

© RIPRODUZIONE RISERVATA