Workshop di Annamaria Sorrentino. “Riattivare l’attaccamento attraverso la terapia familiare”.

Dalla “Cupa” il concerto di Vinicio Capossela, come non restarne “avviluppati”?
Recensione mostra “Sinestesie. Natura, storia, arte”
La notte stellata. Rivista di psicologia e psicoterapia n° 1/2018 – RECENSIONI – pag 131-133

Workshop di Annamaria Sorrentino. “Riattivare l’attaccamento attraverso la terapia familiare”.

di Josè Castiglione e Rossella Ladaga


Venerdì 9 e sabato 10 marzo, si è svolto a Roma, allo Scout Center, un interessante seminario condotto dalla Dottoressa Annamaria Sorrentino, psicologa e psicoterapeuta, fondatrice e docente della Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Sistemico Relazionale Mara Selvini Palazzoli di Milano.
La Dottoressa Sorrentino, attraverso il suo linguaggio straordinariamente accessibile, ha permesso alla platea di connettersi a ciò che succede all’interno della sua stanza di terapia, esplicitando quanto espresso in termini teorici attraverso la presentazione di casi clinici e la proiezioni di spezzoni di sedute videoregistrate.
L’attenzione al sistema dell’attaccamento è alla base del suo lavoro terapeutico. Come i cerchi formati da un sasso lanciato in un lago, le onde della terapia si espandono fino a toccare le sponde dei vari sistemi di attaccamento.
La terapia familiare che la Sorrentino ci propone mira a valutare lo stato degli attaccamenti di tutti i membri, promuovendo la consapevolezza dei bisogni di ciascuno, accogliendo ed ascoltando con la stessa attenzione le richieste implicite ed esplicite di tutti i partecipanti. A questo scopo si avvale delle sotto convocazioni (di nonni, zii, ecc.) come occasione di approfondimento e riparazione rispetto alle frustrazioni infantili di ciascuno dei coniugi.
Un genitore sofferente, infatti, faticherà a sentirsi “più grande, più forte, saggio e affettuoso” e non riuscirà a soddisfare i bisogni del proprio bambino.

 

Scarica la versione completa dell’articolo




 

© RIPRODUZIONE RISERVATA