Il gioco della luna.
Famiglia e trauma.
La notte stellata. Rivista di psicologia e psicoterapia n° 1/2019 – 2+2 NON FA 4 – pag 94-105

Al di là del gineceo.

Valeria Ciccarelli*


Separazione, differenziazione, invischiamento, confini… conoscevo bene quei termini, li avevo letti, studiati ma anche incarnati, rappresentati nella mia vita e questa volta li osservavo nella stanza di terapia prendere forma, o deformarsi, diventare volti, esprimersi con le parole o attraverso emozioni. Quando si diventa terapeuti si scopre di essere più vicini ai pazienti di quanto si creda: ogni persona che arriva in stanza fa da specchio al terapeuta non meno di quanto il terapeuta lo faccia alla persona. La fatica profonda dell’assumersi la responsabilità di differenziarsi dalla famiglia di origine, complicata dal fatto che quest’ultima esercita una vincolante forza centripeta, è al centro del percorso terapeutico che racconto in questo articolo e che avviene nel corso dei due anni di supervisione indiretta svolti a scuola. Il cambiamento inizia con una presa di consapevolezza rispetto al suo potere emotivo all’interno delle relazioni, passa per la rinegoziazione dei confini e arriva a compimento quando lei diviene se stessa riuscendo a creare quella che ho definito la propria, e per questo unica, speciale costellazione.

Scarica la versione completa dell’articolo



Separation, differentiation, enmeshment, boundaries. I knew all these words, I read them, studied them, embodied them and even represented in my life, but this time I observed them taking shape, or loosing it, in the therapy room, getting a human form, expressing through words or emotions. When you become a therapist, you realize you are more similar to your client than you thought: every client is the mirror of the therapist as well as the therapist is the mirror of the client. The deep effort of taking responsibility of differentiating yourself from your own family, complicated by the fact that the family creates a limiting centripetal force, is the focus of the therapeutic work I describe in this article and that happened during my two years of indirect supervision at school. Change begins with awareness of her own emotional power in relationships, passes through the renegotiation of boundaries and ends when the client becomes herself, creating what I define as her unique and special constellation .



Note

* Dott.ssa Valeria Ciccarelli, psicologa e psicoterapeuta sistemico-relazionale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA