Guida alle psicoterapie psicoanalitiche.
“Nel labirinto della vita”.
La notte stellata. Rivista di psicologia e psicoterapia n° 1/2019 – RECENSIONI– pag 127-133

“W Palermo viva”.

di Francesco Colacicco e Cinzia Mantegna


QUANDO INCOMINCIAMMO A LAVORARE SULLE INFANZIE INFELICI
di Francesco Colacicco

Il 23 novembre 2018 il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, ha attribuito a Luigi Cancrini l’onorificenza di cittadino onorario. Un grande riconoscimento, testimonianza dell’affetto dei palermitani nei suoi confronti per quanto di buono ha fatto per questa splendida città tra la fine degli anni ottanta ed i primi anni novanta.

Ho già ricordato altrove l’importanza che ha assunto per il nostro gruppo l’esperienza maturata a Palermo (Colacicco, 2017) col progetto W Palermo viva (Cancrini, 1994), un progetto di prevenzione e terapia delle tossicodipendenze. Fu diretto da Luigi Cancrini ed io ebbi la fortuna di affiancarlo. Con noi c’era anche Francesco Lenigno, l’amico che abbiamo perso troppo presto ed al quale affidammo l’équipe sull’affido. Erano gli anni della “primavera palermitana” ed al sindaco Orlando, per la prima volta al governo della città, fu perfino concessa la copertina di autorevoli riviste straniere. Dal 1985 al 1990, per cinque anni, nella città di Palermo si moltiplicarono le iniziative politiche, sociali e culturali e nacquero molte associazioni, tante organizzazioni spontanee di cittadini, tutte volte a promuovere una cultura della legalità.

Da Wilkipedia: “Tra la fine degli anni settanta e l’inizio degli anni ottanta a Palermo imperversò la seconda guerra di mafia: fazioni diverse di Cosa Nostra si contesero il dominio sul territorio, al punto che tra il 1981 e il 1983 vennero commessi circa 600 omicidi..

Scarica la versione completa dell’articolo



Note

© RIPRODUZIONE RISERVATA