Il lato nascosto della luna.

Lavorando con Otto Kernberg.
“L’altra donna” di Cristina Comencini.
La notte stellata. Rivista di psicologia e psicoterapia n° 1/2021 – RECENSIONI – pag 133-136

Il lato nascosto della luna.
Un progetto anti-psichiatrico.

di Romina Mazzei


Il blog “Il lato nascosto della luna” è un progetto che nasce nelle strutture psichiatriche residenziali socio riabilitative ad alta intensità, SRSR 24h A2/1 e A2/2.
Per presentare questo progetto è necessario però fare un passo indietro risalendo alle sue radici, o meglio, risalendo alla creazione del terreno in cui si sono saldamente radicate.
Un viaggio in profondità che ci porta al 2015, quando ebbe inizio la riconversione delle case di cura neuropsichiatriche. La nostra equipe di psicologi si trovò catapultata in una realtà che non conosceva, e che non era pronta a conoscerli. Il passaggio dall’intervento esclusivamente assistenziale a quello terapeutico e riabilitativo si inseriva in un contesto in cui questa transizione non era pensabile.
Rendere pensabile la nostra presenza, in questo contesto, ha rappresentato l’avvio di un lento processo di cambiamento, sia da parte degli ospiti della struttura, sia da parte di coloro che vi lavoravano da decenni e che avevano attuato le normative pre-basagliane e che, dopo Basaglia, avevano vissuto nel limbo della legge 180, mai profondamente attuata.
Ci siamo scontrati con l’omeostasi del sistema; abbiamo ballato la sua stessa danza, invischiati e trascinati nella sua rigida stabilità. È stato un ballo lento e faticoso, ogni passo ci riconduceva a danze antiche, ormai prive di senso e spessore per i nostri tempi.
Come poter far evolvere questi passi?
Forse ci serviva creare una nuova musica per promuovere il cambiamento. 


Scarica la versione completa dell’articolo



Note

© RIPRODUZIONE RISERVATA